Walt Whitman – Il canto di me stesso (XXIV)

Il canto di me stesso (XXIV)

Attraverso di me le voci proibite,
voci di sessi e lussurie, voci velate cui rimuovo il velo,
voci indecenti che io rendo chiare e trasfiguro.

Io non premo le mie dita sulla mia bocca,
Tratto con delicatezza le viscere come la testa e il cuore,
il coito non è per me più indecente della morte.

Credo nella carne e nei suoi appetiti,
vedere, udire, sentire sono miracoli,
ed ogni parte, ogni lembo di me è un miracolo.

Walt Whitman

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza: Walt Whitman 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA