Ernesto “Che” Guevara de la Serna – SPOGLIATI

SPOGLIATI

E adesso struccati tutta
ostenta con fierezza
le rughe, le piaghe,
non temere
anch’io sono ferito,
spaventato dalla vita.
Strappa ora, con rabbia
quei veli adornanti,
che occultano lividi,
togli quella maschera di ghiaccio
che il freddo e le troppe lacrime
hanno reso spessa.
Mostrati a me
nei tuoi lineamenti più puri
e quando, come un albero d’autunno
sarai spoglia,
e solo quando sarai nuda ed indifesa
come un bambino appena nato,
ti donerò le mie ricchezze.
In quel giorno di sincerità
consegnerò nelle tue mani
tutta la mia fragilità
le mie insicurezze
le paure ancestrali
le impurità nascoste.
Solo allora,
sopra un vassoio di rose bianche,
ti porgerò con grande amore
la verginità della mia anima.

Ernesto “Che” Guevara de la Serna

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

You may also like...

9 Responses

  1. Alberti Rosaria ha detto:

    Splendida! Ma non conosco uomo che
    l’abbia detto e fatto! Troppe parole e niente fatti!!!! Anche il Che!

  2. Simone ha detto:

    Che

    Non si consuma
    questa terra,
    questo sangue d’autunno.
    E’ dolce l’aria
    Rosario lontana
    dalle tue labbra.
    Ha venti e occhi
    per implorarti ma
    l’alba tarda a sorgere
    ed è il nostro male
    più caro.
    Un nome basta
    a sciogliere le mani,
    giunte restano
    quelle delle madri
    a Santa Clara chine
    sulla promessa di una vittoria.
    Non accadranno altre stelle
    o poderose imprese
    ancora la tua pioggia
    che non sa smettere,
    ancora la mia
    che non si rassegna.

    • mauro.giovanelli ha detto:

      Molto bella. Grazie

      QUANDO SAPRAI CHE SONO MORTO

      Quando saprai che sono morto
      non pronunciare il mio nome
      perché si fermerebbe
      la morte e il riposo.
      Quando saprai che sono morto di
      sillabe strane.
      Pronuncia fiore, ape,
      lacrima, pane, tempesta.
      Non lasciare che le tue labbra trovino le mie dieci lettere.
      Ho sonno, ho amato, ho
      raggiunto il silenzio.

    • Alberti Rosaria ha detto:

      Intensa! Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA