PERDIAMO TUTTI

PERDIAMO TUTTI

È il giorno del perdono? Di che? Per essere al mondo? Il vero significato delle ultime parole lasciate scritte dal grande Cesare Pavese:
“Perdono tutti e a tutti chiedo perdono…”
A mio avviso sono rabbia repressa, la “bestia dentro”, lui ha inteso dire che con la propria scomparsa “perdono” tutti, mai più potremo godere dei suoi scritti eccelsi… Poi “…non fate troppi pettegolezzi” lo ha aggiunto consapevole che ne sarebbero piovuti a cascata. Amico caro, la Sacra Romana Chiesa… Io dico che “il lavoro rende schiavi” e “la famiglia è nucleo disgregante della società”… Ieri è stato un giorno dedicato ad arcipelaghi di solitudini…. Sono per la cultura Folsom, tutti accovacciati intorno al fuoco, la sera, ascoltare i vecchi saggi raccontare di fiabe, storie infinite, gesti eroici, lealtà, caccia solo per procacciare il cibo, saggezza, come vivere in perfetto equilibrio con la natura, l’universo, le stelle… Fare l’amore. Morire in pace.
Perdono? Sto ancora aspettando che me lo chiedano invece… Fanno mille e più mille pettegolezzi…
Un grande abbraccio. SMACK!!!

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza: Cesare Pavese

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA