EPPURE…

EPPURE…

…non è problema mio,
avevo la donna che mi avrebbe fatto venire
anche da morto, venerazione totale,
dipendeva dalle mie decisioni
e dai capricci che attraversano la mente,
respirava i miei pensieri,
restava incantata dallo sguardo
che si faceva improvvisamente cupo
ed urlava di gioia quando ridevo,
teneva ogni mio scritto come fosse oracolo,
leggeva e rileggeva, la sua mente era mia,
ha voluto un paio dei miei boxer
per dormire abbracciandoli, annusarli, leccarli
ed io l’ho amata più di ogni altra, prima e dopo,
la sto cercando ovunque,
in ognuna non trovo un solo pezzettino di lei.
Desiderava essere mia
animale, femmina, posseduta,
penetrata, leccata e morsicata, frustata, succhiata…
Nelle parti nascoste i segni rimanevano anche mesi
tanto che non trovavo più posto per lasciarne altri
così si sovrapponevano fino a sconfinare,
ed ogni porzione di carne era desiderata,
conosco i nei che ha, la loro forma,
mai sentita pelle più… appetibile,
erotica, tenera, odorosa, vera,
incrociavo le dita delle mie mani
con quelle dei suoi piedi per aprirla
e l’umido che evaporava dai pori
era nettare offerto alla giusta temperatura,
la carnalità che ci ha investiti
è arrivata alla mistica,
libido come incenso, morbosità
intensa di fede profonda, radicata,
lei era me dall’inizio del Tempo,
ogni recondito accesso delle sue curve,
pieghe, sapevo appartenermi,
mai un lamento e se domandavo sentisse male
la sua risposta erano le mani nei miei capelli
per nascondere la mia testa fra i seni,
attirarmi ancor più dentro lei,
si scusava quando la mia irruenza
strappava un gridolino o avvertivo sussulto,
allora interrompevo ma le sue braccia
afferravano saldamente il collo, le mie reni,
godeva come si potrebbe solo
accostando dolore e piacere, orgasmo e tormento,
amore e… amore, amore completo al punto che…
ridevamo, ridevamo di tutto, il mondo non esisteva,
noi eravamo Universo ed in noi cultura,
poesia, sesso, filosofia, arte, il filo d’erba,
rocce sedimentarie bianche, bianche come le sue ascelle
ed i basalti scuri come il solco fra i suoi glutei
là dove si contano gli anni scivolosi,
il perineo perfetto, le labbra grandi e piccole,
ogni capillare era noto, mucose, saliva, sangue,
ancora amore, passione violenta, travolgente,
mi accarezzava al punto
da lasciare impronte delle sue falangi,
sul petto, il torace, le cosce,
sapeva come toccarmi, dove e quando,
ed io la tenevo per i capelli neri come l’inferno,
duri, resistenti, sudati, sudavamo moltissimo,
sempre bagnati di ogni liquido
che trasportava materiale dal nostro intimo,
come affrontare una mareggiata,
cercare di aggredirla,
andare incontro ai frangenti scomposti, a vanvera
e ritrovarci spossati sulla battigia,
una accanto all’altro, ad osservare il Cielo,
stanchi, sfiniti, ricoperti di sabbia e sassi,
felici di sapere l’altra metà al proprio fianco,
consci che avremmo ripreso a correre
sempre più forte,
e cavalcare le onde.
Insieme.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagini in evidenza: FULVIO LEONCINI ARTISTA CONTEMPORANEO – 13 stazioni per lady Chatterley, 2011

RIPRODUZIONE RISERVATA 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA