Tagelmud

Tagelmud

Perché sotto la tenda
si sono incrociate fatalità
infiammate dal sacro furore
di vivere, allora il mangiare
è ancora più importante,
appetito è fame,
a questo penso l’istante
in cui ti osservo alla fioca
luce della lanterna, testa china
sul tavolo, struccata, il ricciolo
ribelle alla forcina scende
verso il piatto e indica
la strada della tua eterna
bellezza, deserto è amore,
distesa, destino, duna,
come il mare, amare, ricerca
dell’onda da cui ripartire,
toccare consapevolezza,
carezzare delfini guizzanti,
pelle lucida come la tua,
sudata, simbolo della fatica
di esser cresciuta, sei appena
tornata da dove mai saresti
giunta, i bambini della scuola
ti adorano, hanno necessità
di aiuto, conforto, cibo, futuro,
affetto e istruzione, cure,
e tu hai gusto nell’offrirti
a loro, a me, al fottuto mondo.
A questo penso nell’accendere
la sigaretta, alzarmi, uscire
al richiamo del fischio della teiera.
Sarà per la vita, morte o amore
quanto sta preparando il nostro
fedele amico? Berbero, occhi
fulgidi brillano nella notte di
tagelmud, flutti di sabbia
si sollevano, regale il cammello
ci osserva e nobili, lente movenze
suggellano l’inestimabile.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

1 Response

  1. Rosaria Alberti ha detto:

    È pura magia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA