BASTAAA !!!

BASTAAA !!!

Non saprei da chi cominciare per dire, molto semplicemente, basta! Desidererei non vederti più Serracchiani, mi ha stancato il tuo incedere lento, beato, quel mezzo sorriso indisponente che hai, sempre la stessa espressione, immutata, tranquilla, il clone della Bindi, lei era come te, tu sarai come lei se non accade qualcosa che vi cacci dall’occupazione abusiva dei Palazzi.
Basta! Ti prego Bersani, non ne posso più delle tue “massime” da truzzi, l’accento dialettale, la parlata stancante, vattene per piacere. Ogni volta che inquadrano una delle due Camere mi indispone vedere Bossi seduto al suo scranno, la faccia viscida e untuosa di Scilipoti tanto che al confronto un’anguilla spalmata di grasso è cartavetro.
Basta! Finiscila Crozza di fare l’imitazione di Razzi, questi non merita neppure l’ironia, già te l’ho scrissi una volta: alla “massa” lo rendi simpatico, abbiamo il 60% di analfabetismo funzionale e di ritorno e non capiscono “cosa” realmente sia quell’individuo. Antonio Razzi! Che non conosce l’italiano, affronto alla nostra cultura millenaria, l’unico manoscritto che ha imparato a interpretare è il cartello esposto all’ingresso della buvette “Si prega di osservare l’orario” e lui infatti sta fuori, ubbidiente, immobile a fissare il cartello senza neppure domandarsi perché…
Chiudiamo una volta per tutte con immagini del Parlamento, irrita i nervi individuare la Finocchiaro Anna che, braccia conserte e scialle di prammatica sulle spalle, d’estate foulard in seta, si muove tra gli scranni, o ai piani bassi, come chi sta distrattamente passeggiando nei corridoi di una mostra d’arte di cui nulla comprende. Lei è in attesa di uscire per recarsi al supermercato con auto blu e uomini di scorta destinati a prendere le confezioni dagli scaffali più alti.
Risparmiatemi la vista di Alfano, vi scongiuro, lo intervistate sempre, perché? Tanto per ogni accadimento che lo riguarda fornisce ogni volta la stessa identica risposta, con l’immutabile espressione contrita e compresa… (bello però “contrita e compresa” voi che ne dite?) che avrebbe la faccia della supposta l’attimo prima di essere utilizzata. Evitate Gasparri! Mi devo mettere in ginocchio? Farò pure quello se necessario. Gasparri! Ma vi rendete conto o no? “Fate i fessi per non pagare dazio” o che altro? Dico a voi cronisti, giornalisti, paparazzi. Ogni volta lo chiamate per farci ascoltare le sue opinioni e lui, come un camaleonte, scende ratto dal ramo più basso della politica per inferire rapide linguate a destra e manca (quelle a manca sono colpi a salve, lì c’è il vuoto). Rutelli! Ogni tanto spunta, è primavera, sta germogliando di nuovo, cresce piano piano come l’erezione di un autosufficiente.
Voi! Sì voi “onorevoli”, mi state rubando enormi porzioni di vita, oltre tutto il resto, io desidero scrivere di letteratura, arte, poesia, donne, ma… disturbate, siete di ingombro e… costate. Padoan! Diamoci un taglio con questo poveruomo, scommetto che a sera, quando rientra a casa e la moglie lo obbliga a nettarsi le suole sullo zerbino, escono fuori “spread”, “sommari”, “goniometri”, “diagrammi”, “indici” ISTAT… A proposito! Di questo Istituto inquadrano sempre e solo l’esterno, l’ingresso. Avete notato? Ma chi e che caspita ci sarà lì dentro? E quanti? Sarei curioso di entrarci, potrei sbagliarmi ovviamente ma ho la sensazione che ci sia una marea di impiegati, segretarie, dirigenti, manager, fattorini, tutti testa a cuocere solo per dare i numeri a Renzi. Ogni santo giorno esce fuori dai TG nazionali un “meno o più zero” virgola qualcosa in relazione alla notizia che seguirà, dati “a orologeria” come usavano dire anni fa per ogni avviso di garanzia recapitato a Berlusconi. Berlusconi… ma perché? Non sarebbe giunto il momento di andare in crociera? Niente da fare, appare, camicia bruna e casco in fibra di carbonio, adesso compete con Salvini per Bertolaso (buono questo)… Matteo Salvini! Lo stavo scordando… in piena rincorsa di un posto al sole delle Alpi, Prealpi, Appennini, pure quello siculo, e naturalmente anche del più grande Canyon d’Europa, il Gorroppu ubicato nel Supramonte, in Sardegna… intanto a “manca” ci si batte per Bassolino fregato alle primarie PD dalla compravendita di voti… tutta gente nuova, il futuro che avanza.
Ma… la guida scout Renzi Matteo detto anche il rottamatore, termine non ancora approvato dall’Accademia della Crusca, forse meglio “rottamoso”, oltre che abbassare gli extragalattici stipendi di lor signori medesimi, abrogare la “schifezza” Fornero, non avrebbe dovuto guardare al “futuro che avanza”? Non più tardi di ieri, alle maestranze che stanno lavorando nel tunnel della Salerno-Reggio Calabria ha dichiarato: “L’Italia deve correre, non rincorrere”. Con che? D’accordo che a questi “unti” dalla furbizia (virtù servile) le stampelle le passano “gratis” le super attrezzate cliniche di cui sono attrezzati i Palazzi Madama, Chigi, Montecitorio, Quirinale e finanche il Viminale, però avrebbero dovuto subentrare i giovani, non Verdini, Casini… Casini! Ma cosa ci sta a fare in parlamento Casini? E La Russa?
Ecco! Un miracolo riuscito a Renzi, dobbiamo ammetterlo, è che pur introducendo alcuni giovani ha fatto subire a questi una “mutazione” ovvero li ha educati ad adeguarsi al “vecchio” stile, anzi oltre, è riuscito a portarli al primo ventennio. Tipo la Pina Picierno che, in quanto a finezza e buon gusto, se la batte con la Santanché, Elena Boschi detta “Etruria”, Marianna Madia che pare uscita da una pala d’altare dipinta dal Beato Angelico, Roberta Pinotti che necessita di F35 così a noi giungono F24 dall’Agenzia delle Entrate, Pippo Civati il “temporeggiatore”, Stefano Fassina il “Carneade? Chi è [era] costui”, Matteo Orfini detto “il silenzio è d’oro”, Matteo Richetti soprannominato “Spugna”, nostromo e braccio destro di capitan Uncino, infatti assorbe con estrema facilità ogni corbelleria gli venga indirizzata. Gianni Cuperlo “Il negoziatore”, ecc. In fondo solo fra deputati (nr. 635) e senatori (nr. 315) per un totale di 945 soggetti (negli USA poco più di 500) non è possibile elencarli tutti. Gli altri che accipicchia faranno? Ghedini lo sappiamo, Enrico Letta anche… Renata Polverini che da ex Presidente regionale ignorava l’enorme deflusso di denaro pubblico causato dai suoi più stretti collaboratori a proprio esclusivo vantaggio… Laura Boldrini che in destrezza nelle espressioni facciali supera il più abile dei mimi, indubbiamente dotata di nervi abituati a far eseguire alla mandibola rapidi spostamenti sul piano orizzontale tali da incurvare a piacimento il labbro inferiore che, in un nanosecondo, muta espressione secondo la circostanza, , allegra o contrita, un monumento alla simulazione… Eh, sì! Chissà quanti ne dimentico di quelli che sono sul palcoscenico e dietro le quinte di questo teatro.
Basta! Intanto vi faccio notare che ogni volta che li inquadrano sono sempre sorridenti, realmente, anche a Strasburgo, Bruxelles, e Lussemburgo (Già! Perché il Parlamento Europeo dispone di tre sedi) battute tra loro, pacche sulle spalle, bacini a vanvera; vivono tutti in un mondo “a parte”. Non se ne può più davvero, per questo in un post ho scritto a lettere cubitali “Sono strafatto di me stesso”, ho superato la soglia di sopportazione, è una questione di dignità, e non ho considerato Quirinale, Viminale e l’indotto che ruota intorno al carrozzone della politica, sindaci, assessori, Province, Regioni, perfino l’esercito di femmine che stanno sul libro paga degli italiani, a loro insaputa, una a caso mi viene in mente la Nicole Minetti che coordinava le famose “olgettine” mentre nei ritagli di tempo svolgeva l’incarico di consigliere regionale (se non vado errato oggi gode di un vitalizio alla tenera età di 31 anni).
Ma che costo avranno? Qualcuno lo sa? Se lo è mai chiesto? Tutti sprofondati nelle poltrone, aggrinfiati alla loro porzione di potere acquisita. Ho avuto modo di confrontarmi con assessori, appunto, i quali difendono il PD oltre ogni logica quando perfino il velociraptor D’Alema ne ha condannato la linea politica. E con tutto quello che costui guadagnerà se ne è accorto solo ora che il Matteo nazionale è un imbonitore stile il Berlusca? Presuntuoso come lo sono i mediocri, arrogante alla stregua degli insicuri?
Basta!!! Venticinque anni fa qualcuno disse “scendo in campo” e ne venne fuori un affollamento di indegni che nessun popolo credo abbia mai visto alla guida del proprio Paese.
Adesso tocca a noi, dobbiamo assolutamente sgombrare il campo con tutti gli strumenti che la democrazia mette a disposizione, poi passare il tosaerba, diserbante e pure l’aspirapolvere. Per ricominciare a vivere da persone degne…

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza ricavata dal web: “Urlo” di Edvard Munch, pittore norvegese, Løten, 12 dicembre 1863 – Oslo, 23 gennaio 1944

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA