ISTINTO GLOBALE

ISTINTO GLOBALE

Anthony Hopkins è magistrale nell’interpretare la parte del naturalista Ethan Powell, in attesa di giudizio fra le mura di un ospedale psichiatrico. L’accusa è omicidio. Il silenzio in cui si è rinchiuso viene penetrato dal dott. Theo Caulder (Cuba Gooding Jr.), determinato e competente psichiatra che più si addentra nella mente dello scienziato più questi si insinua nella sua, finché nell’orrore che ha travolto l’uomo vedrà riflesse le ambizioni che insegue, specchio di un mondo bestiale, il nostro. Chi non avesse visto “Istinto primordiale”, pellicola di Jon Turteltaub, è meglio corra subito ai ripari.
Il film, comunica allo spettatore una sorta di percorso inverso. Infatti non è l’antropologo ad aver commesso il reato, al contrario sono i cacciatori di frodo che, insinuatisi nel branco di gorilla dove lo studioso si era inserito, ne fanno una carneficina. Gli assassini sono loro. Uccidendo un paio di queste canaglie per fermarle, Ethan Powell ha difeso il territorio, la sua famiglia, ha fatto giustizia. In un dialogo tra i due protagonisti si coglie la vera essenza del messaggio che si vuol dare, in particolare quando lo scienziato racconta al medico l’esperienza vissuta nella giungla con i primati. “…Avevo perfino bisogno di loro” gli dice “ad un tratto, senza preavviso, accadde, non mi sentivo più un intruso, per la prima volta ero nel gruppo, lì nel cuore di quella foresta, lontano da tutto ciò che conosci, che ti è stato insegnato a scuola, dai libri o dalle canzoni, dalla poesia… trovi la pace, l’affinità, l’armonia, finanche la sicurezza”. “C’era violenza?” domanda lo psicoterapeuta affascinato da quella storia. “No! C’erano… segnali. Mi avvicinai a un cucciolo, intervenne la madre, dovetti allontanarmi ma… quando capì, fu lei a portarmelo. Era una brava madre e una valida maestra, il piccolo era sempre protetto, disciplinato, seguito, sempre accarezzato, al sicuro, vegliavamo su di lui, come il vecchio capobranco vigilava su tutti noi, anche su di me. È sorprendente la sensazione di essere protetto, nel suo sguardo ho scoperto più che semplice sorveglianza… c’erano tolleranza, accettazione.”
Segnali al posto della violenza, protezione anziché abbandono, il capobranco che controlla. È la società dei gorilla descritta da Dian Fossey, la zoologa statunitense mancata il 26 dicembre 1985 dopo un vita dedicata e trascorsa fra questi animali.
Con tutto il compatimento che mi ha provocato l’espressione smarrita di Dell’Utri, seduto all’ultimo posto di un volo di linea, destinazione carcere, dico che mi ha fatto riflettere l’annuncio che sarà portato all’ospedale della casa di pena per essere “monitorato”. È giustissimo che ci si preoccupi della sua salute, come di chiunque altro, e sacrosanto preservare la dignità dell’uomo. Però mi domando… Federico Aldrovandi? Studente ferrarese di 18 anni perito il 25 Settembre 2005 per “anossia posturale” causata dal caricamento sulla schiena di uno o più poliziotti durante l’immobilizzazione. Stefano Cucchi, 31 anni? Deceduto il 22 ottobre 2009 nel reparto detentivo dell’Ospedale “Sandro Pertini” di Roma a seguito di un “fermo”? Riccardo Boccaletti, 38 anni? Dopo il suo ingresso in prigione per reati legati alla droga non gli furono forniti gli interventi specialistici che il grave e disperato quadro clinico avrebbe richiesto, morì il 24 luglio 2007 nel penitenziario di Velletri. E Riccardo Rasman, 34 anni? Giulio Comuzzi, 24? Manuel Eliantonio, 22? E tanti, tanti altri. In questi casi il capobranco dove era? Nella pellicola il gorilla anziano perde la vita nel tentativo di salvare Ethan Powell. Voi avete la sensazione “sorprendente”, come dice lo scienziato del film, di essere protetti dai capibranco che ci ritroviamo? I nostri strapagati ministri e parlamentari, tanto per capirci, quelli che ci riempiono di F24 per comprare F35, invadono le nostre abitazioni di cartelle esattoriali, logorano i cittadini con “accertamenti”, avvisi, intimazioni, perfino “istruzioni”. Per non parlare degli esosi super manager statali e parastatali nostrani. Vi trasmettono forse tranquillità, tolleranza, accettazione? Vi fanno sentire a casa vostra? E i grandi Economisti a capo dei colossi della finanza internazionale? I Banchieri? Vi infondono senso di appoggio? Pensate stiano spremendosi il cervello per noi, voi, la comunità?
A proposito, lo sapevate che oggi al mondo ci sono meno di mille gorilla di montagna? Affermazione sconvolgente ma vera. Pensate un po’ che i bracconieri uccidono questi “animali” anche per tagliar loro le mani allo scopo di farne posacenere da tavolo, per gli arredi di cui ci circondiamo, gli uffici in generale, molto richiesti dal mercato, anche questo nostro, globale intendo.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza ricavata dal web – Fotomontaggio eseguito dall’Autore

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.