I FAVOLOSI ANNI ’60 – LETTERATURA – DUE FOTOGRAFIE EMBLEMATICHE

I FAVOLOSI ANNI ’60 – LETTERATURA – DUE FOTOGRAFIE EMBLEMATICHE

A sinistra
Interno ristorante giapponese di San Francisco Kikkoman Shoyu. Sono presenti:
Allen Ginsberg, Peter e Julius Orlowsky, Donald Allen, Lawrence Ferlinghetti, Shig Murao, Bob Dylan (nato come Robert Allen Zimmerman; assunse il nome d’arte con cui lo conosciamo in onore del poeta inglese Dylan Thomas). Bob Dylan faceva inizialmente parte del più rivoluzionario gruppo di scrittori e poeti che si ricordino a memoria d’uomo per cultura, inventiva, rottura con la tradizione, idea di libertà, capacità letteraria, poetica cui le successive generazioni devono molto. Ovviamente tanti altri non sono presenti, non ultimi Henry Miller, Charles Bukowski (dissociato), Neal Cassady, William Seward Burroughs, Philip Whalen, Michael McClure, Gregory Corso e mi fermo qui poiché l’elenco sarebbe molto lungo.
Scoperta, importazione e valorizzazione della letteratura americana li dobbiamo al grande Cesare Pavese ed alla sua allieva, studiosa e intervistatrice degli autori oltre oceano, l’indimenticabile Fernanda Pivano.

A destra
Uscita da un locale pubblico al termine di un “reading” gremito di giornalisti e fotografi (oggi la gente neppure sa che significhi “lettura pubblica di brani poetici da parte degli autori”) ma, quel che è peggio, che senso possa avere parteciparvi.
Al manubrio Jack Kerouac parzialmente riconoscibile dai tratti del viso e il tipo di camicia che era solito portare all’epoca. La ragazza sul sellino posteriore un’ammiratrice. Allora usava così negli Stati Uniti… mentre in Italia ci si masturbava nei confessionali o negli ultimi posti dei cinema parrocchiali.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza ricavata dal Centro Culturale Tina Modotti Caracas – Fotomontaggio eseguito dall’Autore

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.