11 SETTEMBRE 2001

11 SETTEMBRE 2001

Un’ora qualunque di svariati giorni fa,
forse mesi o anni,
potrebbe essere l’attimo appena trascorso,
oppure adesso, mentre scrivo queste parole.
Il tempo non esiste più,
gli orologi si sono liquefatti
come nei dipinti di Salvador Dalì,
lui lo sapeva.
Allora la persistenza della memoria
ha preso il sopravvento,
si è espansa enormemente,
da non vederne più i confini.
Dissolto ogni punto di riferimento,
rimane l’ultimo ricordo
a tenere insieme la mia massa,
rallentarne appena la velocità,
quel tanto
da non farle toccare il limite della luce,
impedire l’infinito
e combaciare con il tutto.
Quindi posso afferrare quel momento.
Eh, sì! Perché ciò che cerco
è del mondo di prima.
Ora vago in uno spazio
sospeso sull’abisso,
dove l’intero è diverso,
cerco la discontinuità
da cui ha avuto inizio l’incubo,
per me, per tutti noi: la mattina de
l’11 settembre 2001.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

La poesia “11 settembre 2001” è stata pubblicata il 10 settembre 2015 sul sito www.memoriacondivisa.it

Immagine in evidenza ricavata dal web

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.