DYLAN THOMAS – Rifiuto di comporre un’elegia…

Si pensi che nel 1945 il poeta Dylan Thomas scrisse queste poche righe per respingere la richiesta di compiangere la morte di una bimba vittima di un incendio a Londra. Una delle sue più belle poesie.

“Io non assassinerò
l’umanità della sua dipartita con una grave verità
né abbatterò, bestemmiando, le stazioni del respiro
con un’ennesima
elegia d’innocenza e giovinezza.”

DYLAN THOMAS (Swansea, 27 ottobre 1914 – New York, 9 novembre 1953)

Dylan Marlais Thomas è stato un poeta, scrittore e drammaturgo gallese. Appena ventenne, negli anni ’30 e ’40 restituì vigore creativo alla poesia anglosassone. Morì in ospedale il 9 novembre 1953 all’età di soli 39 anni a causa di un grave edema al cervello.
L’anno successivo Stravinsky compose il pezzo “In memoriam Dylan Thomas” per quartetto d’archi, quattro tromboni e voce maschile. Robert Allen Zimmerman si ispirò a Dylan Thomas quando nel 1961 adottò il nome d’arte Bob Dylan e nel 1986, in omaggio al poeta gallese, lo scrittore Tiziano Sclavi chiamò Dylan Dog il personaggio dei suoi fumetti.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza ricavata dal web

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Mauro Giovanelli - RIPRODUZIONE RISERVATA