L’UOMO CON LA SCIARPA BIANCA (GENITORI ESODATI)

L’UOMO CON LA SCIARPA BIANCA
(GENITORI ESODATI)

Barbara e Valentina, le mie figlie.
Erano adolescenti
quando dalla tribuna d’onore
della sua squadra di calcio meneghina,
sciarpa bianca démodé e borsalino in testa,
un signore divenuto miliardario
cominciava a rilasciare
striscianti dichiarazioni politiche
che mi inquietavano.
Ne intuivo la minaccia,
percepivo l’insidia,
mi infastidivano.
Ecco le sue prime apparizioni televisive
che non sarebbero finite mai.
Non gli diedi peso più di tanto
nella convinzione che le istituzioni
lo avrebbero rifiutato,
il sistema si sarebbe automaticamente protetto
attivando gli anticorpi,
quell’uomo
non avrebbe potuto costituire un pericolo.
Il tempo è passato in un lampo.
Solo ora prendo coscienza
quanto la mia fiducia fosse mal riposta,
sia guardando alla parte politica in cui credevo
che a quella avversa, oggi alleate.
All’improvviso avverto la necessità
di chiedere scusa alle mie figlie
per non aver fatto di più,
il massimo,
un estremo sforzo
nel cercare di evitar loro un ventennio
culturalmente e socialmente decomposto.
Io posso dire
che i miei genitori
mi hanno lasciato la Costituzione.
Ma loro, di me,
cosa racconteranno?

Mauro Giovanelli – Genova

“L’UOMO CON LA SCIARPA BIANCA – GENITORI ESODATI)” è stato pubblicato il 28 ottobre 2013 sul sito www.memoriacondivisa.it: – Su “la Repubblica” del 22 ottobre 2013 pag. 24 – su “Il Segno” novembre 2013 pag. 7 – http://ilsegnoroccadipapa.blogspot.it

Immagine in evidenza: ricavata dal web

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.