GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA AI CITTADINI ITALIANI – PETIZIONE

LETTERA APERTA ALLE SIGNORE E SIGNORI

Presidente della Repubblica Italiana
Presidente del Senato della Repubblica
Presidente della Camera del deputati
Presidente del Consiglio dei Ministri
Confederazioni sindacati italiani: CGIL, CISL e UIL

P. C. Parlamento Europeo
Commissione per l’approvazione delle leggi al Consiglio dell’Unione Europea

Con la presente si intende indirizzare all’attenzione delle autorità competenti una
PETIZIONE
con la quale richiedere la ISTITUZIONE della

GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA AI CITTADINI ITALIANI

Per il seguente motivo:

L’indifferenza, supponenza e sfrontatezza con le quali dai nostri governanti viene glissato il problema inerente gli spudorati stipendi che percepiscono (i più alti del Pianeta, USA e Russia comprese) nonché la dissolutezza in sfacciati privilegi di cui godono, che non hanno eguali neppure nelle monarchie e dittature del Mondo, non ultimo il fatto che possano andare in pensione e incamerare il vitalizio dopo un solo mandato e considerando, tra l’altro, il pesantissimo “fardello” economico che ciò rappresenta per la Nazione arrivando essi al considerevole numero di 951 unità (630 deputati e 321 senatori) contro le 535 degli USA (435 Camera dei Rappresentanti e 100 al Senato), si ritiene che tutto quanto esposto costituisca

VIOLENZA

all’intelligenza, il decoro, la dignità ed il livello di sopportazione del popolo che altresì viene sistematicamente chiamato a tollerare sacrifici economici e imposizioni di ogni ordine e grado a insindacabile giudizio dei medesimi. Si ha inoltre ragione di dubitare che quanto esplicitato possa essere in contrasto alle direttive UE che investono l’economia, la finanza, i settori produttivi e mirano all’uniformità di trattamento in ambito comunitario. Avendo preso atto dell’impossibilità di modificare questo vergognoso e indegno contesto si chiede che in qualche modo venga almeno dato risalto ai sacrifici e gli sforzi dei cittadini chiamati da soli a reggere le sorti del Paese.

P. S.
Lo stesso anomalo, ingiustificato ed abnorme trattamento retributivo si rileva pure negli emolumenti elargiti ai dipendenti, impiegati, segretari, sottosegretari, portavoce, portaborse, ecc. a salire nella scala gerarchica nell’ambito dell’organico di ciascuna struttura che supporta l’attività di ogni onorevole e ministro.
Di tali irregolari nonché incomprensibili privilegi non restano esclusi, ad elitario servizio dei politici, nemmeno i lavoratori per così dire di “supporto”, dall’ultimo incaricato per la ricarica degli orologi a pendolo fino ai commessi, barbieri, idraulici, imbianchini, ecc. per arrivare ai professionisti, medici di tutte le specializzazioni, infermieri, fiscalisti e quant’altro che percepiscono stipendi da fare invidia, tanto per fare un esempio, ad uno scienziato e ovviamente smisurati rispetto a quanto guadagnano le pari categorie che operano all’esterno dei Palazzi Chigi, Montecitorio, Viminale, Madama e Quirinale.

Restiamo in attesa di Vostro cortese riscontro.

Distinti saluti.

Mauro Giovanelli – Genova
www.icodicidimauro.com

Immagine in evidenza ricavata dal web

RIPRODUZIONE RISERVATA

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.